Vestito nuovo…colore nuovo?

16 Luglio 2007 9 commenti

Che bello il mio vestito nuovo!!

Prosegui la lettura…

Sabato sera alternativo a MC…?

3 Giugno 2007 8 commenti


Sabato sera un pò diverso dal solito questo, non c’è che dire… un gran traffico in giro, macchine ovunque, ingorghi, pullman turistici che girano stracolmi di persone equipaggiate di tutto l’occorrente per una lunga notte, gente che gira a piedi, gruppi di giovani allegri dotati di zainetti e chitarre,famiglie,via vai continuo di viandanti… ma dove siamo? Ma che succede? Una movida mai vista prima! O forse si? Ma quando… non mi sovviene… E’ dilagata la febbre del sabato sera? Forse questo arido far west dell’entroterra è divenuto punto di incontro di giovani dal resto d’Italia? Forse…c’è vita anche in questo sperduto angolo dell’universo? NOOOO! Ora ricordo… Stasera c’è il pellegrinaggio Macerata Loreto a piedi!! Ecco il perchè di tutto questo via vai! Ti pareva… ti pareva che a Macerata ci fosse tutta questa vita senza che fosse la festa del patrono o il pellegrinaggio a Loreto?! Fatevi un pò questa scarpinata… che poi mi sa che stasera piove pure.. contenti voi. Io esco a farmi una birra. Anzi no. Uno spritz, con l’aperol però: una parte di aperol, una di prosecco, una di tonica, ghiaccio e arancio. Non si può neanche andare al cinema in questo villaggio di buzzurri, volevo andare a vedere Breakfast on Pluto ma me l’hanno tolto dopo 2 giorni! Secondo me forse in realtà l’hanno messo in sala perchè pensavano fosse un film con Pluto, poi si sono accorti dell’errore… Ma si, sarà andata così. Beh, non mi resta altro da fare che darmi ai long drinks.

Non è che non abbia voglia…

21 Maggio 2007 1 commento


E’ che non ho tempo!
Non ho tempo per aggiornare il mio blog, sottoposta come sono al terribile stress della realtà del lavoro precario unita con le difficoltà che quotidianamente incontro nel preparare la mia tesi di laurea!
Naturalmente se il dinoprofaurus avesse maggiore dimistichezza con le nuove tecnologie, permettendomi magari, che sò, di inviare del materiale per posta elettronica, invece che costringermi ogni settimana a consegnarlo a mano, magari guadagnerei del tempo prezioso… oppure che sò, se le nostre super arretrate biblioteche universitarie, almeno quelle più importanti, avessero cura di scannerizzare e mettere on line a disposizione di tutti preziosi testi del Trecento e del Quattrocento, che tanto non sono mica sottoposti a copyright, invece di farti annusare solo qualche pagina con le illustrazioni (che chi se ne frega delle illustrazioni, mica lo devo comprare il libro, io lo devo leggere!!!!)io allora, potrei evitare di andare tipo a Roma o a Pavia per visionare un cavolo di codice che tra l’altro più gente lo tocca e più si rovina mentre invece quello andrebbe conservato il più possibile lontano da qualsiasi contatto umano!
Ma ti pare che a qualche mente lungimirante sia forse venuto in mente che fotografandolo una volta per tutte e mettendolo on line a disposizione di chiunque si preserverebbe il testo e contemporaneamente si permetterebbe a chi ne ha bisogno di leggerlo comodamente anche da casa?
Ma no, siamo matti, a che serve la tecnologia, teniamoci alla larga da questo demonio…
Ah! La tecnologia, questo mistero così fitto all’interno delle pubbliche istituzioni…
Ma d’altra parte, se ogni cosa funzionasse correttamente e al passo coi tempi, non staremmo mica in Idiozilandia…
Amarezze notturne…

Mi manca il tempo…

1 Marzo 2007 3 commenti

Mi manca il tempo materiale per fare qualsiasi cosa… cerco di laurearmi in fretta e lavoro, lavoro tanto, lavoro sempre…
Ma fa piacere sapere di essere seguita…
cmq per chi è dei paraggi cìè una cosa interessante forse a mc il prox martedì sera, cliccate sotto dove c’è scritto CLICCA QUA.
Ciao!!
A marzo sarò più presente!!
A presto!!
Riferimenti: CLICCA QUA

Venerdì notte con riflessione politica.

25 Novembre 2006 14 commenti


Normalmente di venerdì sera non starei qua a scrivere il mio blog, ma dal momento che il concerto di Bugo aveva un prezzo assurdo, ho tagliato la corda dal locale e mi sono ritrovata a riflettere su una delle notti più inquietanti e angoscianti che io ricordi nella vita politica italiana, ovvero la sera degli scrutini delle ultime elezioni politiche: angoscia, peplessita e… brogli?

http://www.uccidetelademocrazia.com/home.php?n=9&l=it

Riferimenti: TRAILER

Autunno con sproloqui.

15 Novembre 2006 7 commenti


Scorci d’autunno…
ultime tiepide giornate autunnali, la notte arriva in fretta e subito anche l’aria si fa frizzolina: seduta alla mia scrivania osservo dalla finestra il sole tramontare rapidamente e scomparire tra i tetti.
Romantico scenario per una romantica location: sono in una biblioteca, dunque tra libri, tra appassionati lettori, il mondo dell’amore per la lettura, per la cultura…

h 15.30 circa:
un tizio con bimbo al seguito entra e mi chiede: “avete per caso le avventure di Sacco e Svanetti?”
“Sacco e Vanzetti?” dico io
“Si ecco… le avventure di Sacco e Svanzetti, giusto” risponde
“Le avventure?” dico io
“Si! Quelle da cui hanno tratto la serie tv!”
“Dunque… ora le procuro qualcosa su Sacco e Vanzetti.”

h 16 circa:
entra un tizio di mezza età dall’aria distinta:
“Buonasera”
“Buonasera a lei, come posso aiutarla” dico io
“Posso lasciare una rivista che pone la più difficile delle domande?”
“Hem… e quale sarebbe la più difficile delle domande?” dico io
“Perchè” dice lui
“Perchè cosa?” dico io
“Vede che è la più difficile delle domande?”
Mi lascia la rivista e se ne va con l’aria di un samurai dopo la battaglia.
Decido di sfogliarla per 3 secondi prima di gettarla al riciclo carta e quando leggo “ecco perchè il sesso del matrimonio non è amorevole” mi chiedo: “perchè a me?” non trovo risposta, è proprio la più difficile delle domande, la rivista merita cmq il macero.

h 16.30:
Signora elegante:
“vorrei qualcosa di Modigliani”
“Questa non è mica una galleria d’arte” penso, ma dico “il reparto arte: prima sala scaffali a destra”
“che c’entra l’arte?” risponde lei
“Non vuole qualcosa su Modigliani?”
“No vorrei un romanzo di Modigliani”
Ho un’intuizione e faccio:
“Forse un romanzo di Sveva Casati MODIGNANI?”
“Si si!”
Dunque anche l’arte della lettura nel pensiero ora devo apprendere…

h 18.15
un tizio passa urlando “E’ VERO CHE QUA BISOGNA PARLARE SOTTO VOCE PER NON DISTURBAREEEE????”
“si” dico io “sottovoce”
“VA BENEEEE!!!” urla lui.

Meno male che tra 15 minuti chiudo.

L?8 per mille dove va a finire in realtà?

15 Novembre 2006 Commenti chiusi

L?8 per mille dato dagli italiani per l?arte andato in gran parte per la guerra in Iraq.

http://www.globalproject.info/art-9892.html

fonte: Repubblica on line
www.repubblica.it

ROMA – “Sono rimasta strabiliata che l?8 per mille dato dai cittadini italiani per l?arte, la cultura e il sociale sia andato in gran parte per la guerra in Iraq e solo una minima parte per la fame nel mondo”. Lo ha detto il presidente del Fai, Fondo per l?ambiente in Italia, Giulia Maria Crespi aprendo a Roma il convegno nazionale sul tema “La riscossa del patrimonio. Beni culturali, paesaggio e rilancio economico”. “A rivelarmelo è stato Enrico Letta – ha aggiunto – il quale a suo tempo lo aveva riferito in una conferenza stampa ma era stato riportato solo in un trafiletto di giornale”.

Segue…

Riferimenti: CLICCA QUA PER LEGGERE IL RESTO DELL’ARTICOLO

Marco Travaglio – Storia di due covi

10 Novembre 2006 2 commenti

Dai uno sguardo, CLICCA QUA:

Video importato

YouTube Video

Riferimenti: CLICCA QUA

La saga degli orrori: domenica mattina.

6 Novembre 2006 12 commenti


Finalmente, ecco svelato l’arcano.
Ora mi spiego molte cose.
Ora so perchè vago per una città deserta ogni venerdì e sabato sera, ora so perchè i maceratesi vanno tutti a letto presto da brave giovani marmotte, ora so perchè locali notturni falliscono in miseria mentre rosticcerie, friggitorie e farmacie cavalcano l’onda anomala del successo.
L’ho scoperto ieri mattina, una domenica mattina da battaglia, che Saigon era Disneyland in confronto.
Si perchè sembrava di stare alla fiera campionaria del pasticcino e del barboncino col cappotto: macchine sfrecciavano ovunque alla folle velocità di 30 km orari, strade affollate, ingorghi, marciapiedi affollati di signore col cappotto beige e l’immancabile vassoio con le pastarelle, bambini saltellanti di felicità, giovani dai capelli impomatati che varcavano felici le soglie di chiese iper affollate, ragazze fresche di messa in piega col Resto del Carlino sotto braccio e gli stivali bianchi tacco a spillo perchè alla messa si, ma trasgressive.
Incredula mi aggiravo per le vie della città.
Ho infilato un attimo la testa nel portone di una chiesa, c’era la gente in piedi, la gente di fuori, sembrava un concerto dei Pooh, ma senza i Pooh.
L’orrore e l’inquietudine si insinuavano dentro di me.
Sono entrata in un caffè, aihmè, volevo un cappuccino: la barista tredicenne mi ha propinato un caffelatte leggermente schiumoso che con i suoi inaspettati 110 gradi di temperatura mi ha procurato un ustione di notevole intensità acuendo sempre di più la mia intolleranza agli adolescenti incapaci, agli adulti deficienti che li governano e a Maria De Filippi, che anche se in questo caso non centra nulla è sempre colpevole di abbassare la qualità della vita di tutta l’umanità.
Decisi di affrettare il mio ritorno a casa, che stava ormai assumendo i toni di una fuga da Caporetto, dirigendomi frettolosamente verso la farmacia di turno, unico vero motivo di questa mi inusuale sortita mattutina, e lì, finalmente, la rivelazione:
i maceratesi vanno a letto presto al sabato sera, perchè alla domenica mattina devono andare a messa, a prendere le pastarelle e…
in farmacia.
La farmacia piena.
Piena di anziani pensionati?
No
Piena di mamme alle prese con gravidanze difficili?
No
Farmacia piena di gente di ogni ordine e grado che approfitta della bella giornata domenicale per fare due acquisti.
Una scatola di aspirine, grazie, un anti acido e un tavor, perchè ci sta.
Poi tutti a casa ad abbuffarsi davanti alla tv: uno sguardo alla gazzetta dello sport, e se il tempo tiene e non fa troppo freddo magari si fa tutti un salto alla sagra del luogo comune.

Video importato

YouTube Video

Apocolocynthosis

31 Ottobre 2006 2 commenti


Provincia noiosa molto noiosa.
Stasera è Halloween.
E’ pieno di zucche in giro.
Zucche ovunque.
Vai a prenderti un cappuccino al bar e trovi di prima mattina una zucca sdentata lampeggiante che svetta sul bancone, vai a prenderti un pezzo di pizza e c’è un serie di zucche con sguardo feroce che ti scrutano mentre mangi, ovunque trovi festini all’insegna del lugubre, ma che ci azzecca la zucca con la festa dei morti?
Mi sfugge il senso di tutto ciò.
Se vogliamo dare credito a tutti quei retaggi fascisti che fanno derivare la nostra cultura e la nostra civiltà direttamente dall’antica civiltà romana, allora mi sembra di reperire un certo collegamento tra la zucca e il mondo dei morti che è testimoniato da uno scritto di Seneca, in cui veniva raccontata la trasformazione in zucca dell’imperatore Claudio dopo la sua discesa nel mondo dei morti, detta appunto Apocolocynthosis ma la faccenda era vista come una terribile punizione per tutte le nefandezza commesse durante la vita terrena, dunque la zucca mi appare come un triste richiamo alla dannazione eterna… comunque forse la zucca in questo senso qualcosa c’entra.
Certo che hanno un bel da fare a festeggiare i morti da queste parti…dal momento che si stenta a definire i vivi come tali, sono talmente tanti gli individui noiosi e appiattiti che non vedo come possano i maceratesi definirsi vivi a tutti gli effetti, per cui stasera festeggiamo:
i morti (mi sembra giusto),
le zucche (anche i commercianti di zucche almeno un giorno all’anno devono pur festeggiare),
i vivi che si aggirano per la città alla stregua degli zombie,
le teste vuote (vedi zucche, appunto),
il gusto del lugubre (quanto mai appropriato)
le streghe (che non si capisce se appartengono al mondo dei vivi o a quello dei morti, ma propendo per la prima ipotesi),
se qualcuno di voi lettori avrà la fortuna di aggirarsi per mc di sabato sera dopo le 19.30 potrà constatare che rendiamo onore allo status di morto o di morto apparente praticamente ogni settimana!
Viva il sabato sera a letto e presto e la messa domenicale!
Viva le pastarelle con la crema!
Vai con la pasta al forno!
Parcheggio selvaggio!
Scarpe alla moda!
Sguardo vacuo!
Questa non è la dannazione eterna, no, questa è la dannazione terrena!!!
E’ l’apocolocyntosis del maceratese!!!
I maceratesi si sono zucchificati!
Tutta la provincia è zucchificata!!!!
Allora, comincio ad intravedere il senso della zucca, la festa di Halloween e il festeggiamento dei morti acquisisce un senso per nulla anglosassone, è la festa degli zucconi!!!!